Colloquio di lavoro, come deve essere la presentazione?

Durante un colloquio di lavoro avrete l’opportunità di presentarvi in modo approfondito. Peraltro, molti responsabili del personale inizieranno un colloquio con una domanda a risposta aperta come “Parlami di te”. Ebbene, il nucleo della risposta dovrebbe concentrarsi sugli elementi chiave del vostro background, che vi consentiranno di eccellere nel lavoro per il quale vi stanno intervistando.

Ebbene, è necessario analizzare attentamente il lavoro prima dell’intervista, in modo da poter indicare gli interessi, le capacità, le esperienze e le qualità personali che vi consentiranno di soddisfare o superare i requisiti attesi.

In linea di massima, la vostra introduzione dovrebbe essere abbastanza concisa da mantenere vivo l’interesse dell’intervistatore. In generale, un riepilogo rapido delle vostre qualità più interessanti sarà sufficiente. Potreste anche citare un paio di curiosità che non sono essenziali per il lavoro, ma potranno rispecchiare il vostro “personaggio”, come ad esempio il fatto che siate un appassionato sportivo, o qualche particolare collezione che portate avanti.

Il vostro obiettivo dovrà essere quello di connettervi sotto il profilo personale con l’intervistatore, oltre a dimostrare che siete qualificati per il lavoro.

Naturalmente, è fondamentale che i vostri commenti iniziali mostrino il vostro entusiasmo per il lavoro e per l’azienda. Evitate però di esagerare e non passate troppo tempo a parlare di voi. L’intervistatore ha infatti una scaletta del giorno e un tempo limitato. Meglio dunque mantenere breve la vostra introduzione in modo da poter passare rapidamente alla domanda successiva.

In tal senso, l’intervistatore potrà far seguire alla vostra introduzione più domande, ed è quindi importante ricordare che dovrete supportare qualsiasi asserzione che farete durante la vostra presentazione. Siate pronti a fornire esempi specifici su come e dove avete utilizzato le vostre risorse per svolgere con successo ruoli di lavoro o di volontariato, progetti accademici o altri sforzi produttivi. E non mentite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *