Nuovo finanziamento da 130 milioni di euro per Terna

Terna e Banca Europea per gli Investimenti hanno concluso un accordo da 130 milioni di euro che condurrà la seconda erogare un finanziamento a sostegno degli investimenti della prima, con specifico riferimento alla parte pubblica del progetto Piemonte – Savoia, la nuova interconnessione elettrica in corrente continua a 320 kV, che unirà l’Italia alla Francia.

Stando alle caratteristiche tecniche del prestito, il finanziamento avrà una durata di 22 anni, sarà erogato in una tranche unica, e sarà regolato a tasso fisso all’1,64%.

Stando a a quanto afferma Luigi Ferraris, amministratore delegato di Terna, “siamo molto orgogliosi del contributo che la Banca europea per gli investimenti offre per questo progetto di rilevanza strategica, che contribuirà all’efficienza e alla sicurezza del sistema elettrico europeo, oltre che alla realizzazione del mercato unico dell’energia elettrica”. Ferraris ha poi aggiunto che “l’interconnessione con la Francia è un’opera innovativa e unica al mondo per le soluzioni ingegneristiche adottate, in grado di coniugare sostenibilità e crescita come elementi chiave del piano di investimenti di Terna per il Paese”.

Naturalmente soddisfatta anche la Bei. Per Dario Scannapieco, vicepresidente dell’istituto, “questa operazione conferma l’impegno della banca dell’Unione europea nel settore cruciale delle reti energetiche e rafforza ulteriormente la proficua collaborazione con Terna: negli ultimi anni abbiamo affiancato la società nei principali piani di investimento per l’ammodernamento e lo sviluppo del network di trasmissione elettrico con un miliardo complessivo di finanziamenti”.

Complessivamente, il progetto prevede una capacità di scambio in frontiera di 1.200 MW, attraverso soluzioni tecnologiche mai utilizzate a livello mondiale. Il progetto è stato altresì identificato dalla Commissione europea tra i progetti di interesse comune a livello comunitario, ed è il più lungo elettrodotto in corrente continua al mondo in cavo, perfettamente integrato con il sistema infrastrutturale di trasporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *