Lavoro, cresce la dimensione dell’area disagio

Stando a quanto afferma una recente ricerca della Fondazione di Vittorio della Cgil, nel corso del primo semestre dell’anno l’area del disagio lavorativa contava ben 4 milioni e 492 mila persone, in incremento di ben il 45,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2007, o – in termini assoluti – un incremento di 1 milione e 400 mila persone, per il numero più elevato degli ultimi dieci anni.

I dati della Cgil, che hanno contribuito a rielaborare le statistiche fornite sull’area del disagio nell’occupazione (ovvero, tra gli occupati in età compresa tra un minimo di 15 anni e un massimo di 64 anni con lavoro temporaneo o a tempo parziale perché non hanno trovato un’occupazione stabile o a tempo pieno), manifestano pertanto l’evoluzione negativa di una condizione sempre più diffusa e sempre più preoccupante.

Più nel dettaglio – e non è certamente una sorpresa – è emerso come il tasso di disagio sia senza dubbio maggiore nel Mezzogiorno (23,9 per cento) rispetto a quanto non avvenga al Nord (17,7 per cento), nell’occupazione femminile (26,9 per cento) rispetto a quanto non ci dicano invece i dati dell’occupazione maschile (15,2 per cento).

Si noti altresì come si stia allargando la distanza tra le generazioni, visto e considerato che nella fascia 15-24 anni il tasso di disagio è del 60,7 per cento, in incremento di ben 21 punti rispetto a dieci anni prima, e a seguire si trova la classe dei giovani-adulti (25 – 34 anni) con un tasso vicino al 32 per cento, contro il 19 per cento nel 2007. Anche la forbice tra italiani e stranieri è in corso di ampliamento, con il disagio che coinvolge un lavoratore straniero su tre, contro il 18,4 per cento dei cittadini italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *