Afterpay: come funziona il sistema acquisito da Square

Afterpay è una società con sede in Australia, recentemente acquisita da Square, una società di pagamenti digitali co-fondata dal CEO di Twitter Jack Dorsey, per 29 miliardi di dollari. Afterpay non si considera un fornitore di prestiti POS perché non fa pagare gli interessi sui suoi prestiti, ma è comunemente indicato come un fornitore di BNPL.

Ciò premesso, e in attesa di una piena operatività in Italia, dove il segmento buy now pay later è ancora in sviluppo, Afterpay è sicuramente adatta a tutte quelle che vogliono effettuare i loro pagamenti in tempo, hanno bisogno di un’opzione di finanziamento a breve termine con interesse 0% e non vogliono che il prestito influenzi il loro punteggio di credito.

L’azienda offre un prodotto principale: un’opzione di finanziamento con quattro pagamenti a rate ogni due settimane per un periodo di sei settimane. Si versa un acconto al momento dell’acquisto (in genere il 25% dell’ordine) e poi si paga il resto in sei settimane.

Detto ciò, non c’è un limite su quanto credito si può prendere con Afterpay. Il limite di credito dipende da quanto tempo si è clienti Afterpay, e se si stanno facendo i propri pagamenti in tempo e per intero. Un nuovo utente avrà probabilmente un limite più basso rispetto a qualcuno con una storia più lunga, quindi se è la prima volta che si usa Afterpay, bisognerà evidentemente limitarsi ad acquistare articoli di piccola taglia. L’ordine medio di Afterpay è di soli 150 dollari.

Un grande vantaggio di usare Afterpay, rispetto ad altri fornitori di POS, è che non influisce affatto sul proprio punteggio di merito creditizio: l’azienda non controlla il proprio “rating” e non riporta alcuna informazione sul prestito alle centrali rischi.

Di contro, un grande svantaggio dell’uso di Afterpay sono le commissioni di ritardo. Negli States, ad esempio, si riceve un addebito di 8 dollari, o il 25% della transazione, qualunque sia il minore, per ogni pagamento in ritardo. Se non riesci a fare un pagamento, inoltre, non avrai accesso alla piattaforma per prendere un nuovo prestito fino a quando non regolarizzerai la posizione.

Per quanto riguarda la disponibilità, Afterpay può essere utilizzato presso più di 100.000 commercianti in tutto il mondo, tra cui American Eagle, Bed Bath and Beyond e lululemon. Afterpay offre anche ad alcuni consumatori la possibilità di utilizzare l’app per fare acquisti presso rivenditori selezionati come Nike, Kroger, Amazon e Macy’s. Ogni volta che usi l’app, ti verrà data una carta virtuale una tantum.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi