Bail-in, ecco tutti gli strumenti coinvolti

Il bail-in è uno strumento di risoluzione delle crisi bancarie che evita l’intervento di fondi pubblici, chiedendo invece alle banche di compiere dei “sacrifici” interni, a coinvolgimento di azionisti, obbligazionisti, correntisti. Non tutti i soggetti che danno fiducia all’istituto di credito sono tuttavia coinvolti in identica maniera. Cerchiamo di stilare una buona e trasparente gerarchia.

Le prime risorse a essere intaccate sono le riserve societarie, seguite dal capitale azionario, che viene estinto, con conseguente perdita dei diritti amministrativi e patrimoniali in capo ai singoli azionisti, partecipanti al capitale sociale. A seguire troviamo poi i bond bancari, i warrant, strumenti ibridi partecipativi, e quindi i crediti subordinati, i pronti contro termine che, a fronte dell’acquisto di titoli della stessa banca, le concedono liquidità.

Vengono invece ritenuti come strumenti esclusi i bond bancari garantiti, i pegni su titoli, i conti titoli separati dalle attività bancarie, i conti di deposito il cui totale sia inferiore a 100 mila euro e altri crediti garantiti (fondi acquisiti dalle banche con obbligo di restituzione, sotto forma di depositi e altra forma, nonché gli assegni circolari e titoli di credito a essi assimilabili).

Per quanto concerne i correntisti, il livello dei 100 mila euro, coperto dal Fondo interbancario di tutela dei depositi, si riferisce alle giacenze depositate in ogni singola banca e non alla somma dei conti deposito dello stesso intestatario presso più istituti. Dunque, il correntista sarà chiamato come ultimo a contribuire alla risoluzione della crisi bancaria, e solo per la somma eccedente il livello sopra anticipato. Nell’ipotesi di conto cointestato a due persone, la garanzia si estende a 200 mila euro.

Sono ritenuti indenni al bail-in anche i contenuti delle cassette di sicurezza, i fondi d’investimento (Oicr) compresi quelli promossi dalla banca ma aventi patrimonio autonomo, i vincoli bancari nei confronti dei dipendenti (le remunerazioni) e le pensioni, nonché i rapporti con i fornitori su cui si basa la normale attività della banca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi