BCE, Lagarde afferma che difficilmente i tassi saliranno nel 2022

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha ribadito che “è molto improbabile che le condizioni per aumentare i tassi siano soddisfatte l’anno prossimo“. Lagarde stava parlando al Congresso bancario europeo di Francoforte, dove ha avvertito che la BCE “non deve precipitarsi in una stretta prematura” della politica monetaria.

L’euro è sceso subito dopo i commenti della Lagarde, passando a 1,1301 dollari contro il dollaro. Anche i titoli bancari sono scesi di circa il 2%. La recrudescenza dei casi di Covid in Europa ha evidentemente pesato sul sentimento degli investitori venerdì mattina, con l’Austria che ha annunciato che avrebbe imposto una quarta chiusura nazionale lunedì.

Lagarde aveva già cercato di raffreddare le aspettative di un aumento dei tassi di interesse il prossimo anno, dopo la riunione politica di ottobre della BCE.

Nel suo discorso di venerdì, Lagarde ha detto che gli alti tassi d’inflazione probabilmente saliranno ancora fino alla fine dell’anno. Mercoledì, è stato confermato che l’inflazione della zona euro ha raggiunto il 4,1% su base annua in ottobre, più del doppio dell’obiettivo della BCE. Lagarde ha detto che questa pressione inflazionistica era “sgradita e dolorosa”.

Il quantitative easing e il tapering

La banca centrale ha annunciato a settembre che avrebbe comprato meno obbligazioni a causa dell’aumento dei prezzi al consumo. Questo ha iniziato il processo di lento esaurimento del suo enorme pacchetto di stimoli dell’era pandemica.

Lagarde ha chiarito a settembre che le azioni della banca centrale erano una ricalibrazione, ma non un tapering. All’epoca, alcuni operatori di mercato credevano che la BCE stesse sottovalutando le pressioni inflazionistiche e che quindi avrebbe probabilmente dovuto annunciare un rialzo dei tassi prima dell’inizio del 2023.

Venerdì, la Lagarde ha detto che mentre la BCE prendeva sul serio le preoccupazioni per l’aumento dell’inflazione, e sosteneva che i driver di queste pressioni sui prezzi erano destinati a “svanire nel medio termine, che è l’orizzonte che conta per la politica monetaria”.

Lagarde ha spiegato che, poiché l’inflazione deriva da questioni legate all’offerta e da un’impennata dei prezzi dell’energia, “probabilmente rallenterà il ritmo della ripresa nel breve termine”. Ha altresì affermato che affinché l’inflazione ritorni all’obiettivo del 2% della BCE, la banca centrale deve essere “persistente” nella sua politica monetaria.

Quindi, ha aggiunto che la BCE rimane fiduciosa che le pressioni sui prezzi si allenteranno nel tempo, perché non vede le “condizioni in atto, sia a livello economico, sia a livello settoriale, perché i tassi di inflazione al di sopra del nostro obiettivo diventino autosostenuti”. Per esempio, Lagarde ha spiegato che mentre la BCE ha notato una forte “domanda di recupero” nell’area dell’euro, non vedeva “un eccesso di domanda”.

In termini di prezzi dell’energia, ha detto che mentre è probabile che rimangano elevati nei prossimi mesi, è probabile che si stabilizzino nel corso del 2022. Per esempio, ha sottolineato che i prezzi del gas sono già scesi di circa il 21% dai massimi storici di ottobre. A causa di questo mix di driver dietro l’inflazione, Lagarde ha detto che “stringere prematuramente la politica renderebbe solo peggiore questa stretta sui redditi delle famiglie”.

Infine, ha aggiunto che una stretta non affronterebbe “le cause profonde dell’inflazione perché i prezzi dell’energia sono fissati a livello globale e le strozzature dell’offerta non possono essere risolte dalla politica monetaria della BCE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi