Cos’è un business stagionale?

La maggior parte delle imprese sperimentano un flusso in crescita e in rallentamento dei propri affari, e in molti casi queste fluttuazioni corrispondono alle stagioni. Il business stagionale è dunque un termine che si riferisce alle fluttuazioni degli affari che corrispondono alle variazioni stagionali. La stagione può essere intesa in questo contesto per includere non solamente le stagioni dell’anno e i loro cambiamenti climatici, quanto anche le stagioni delle vacanze e quelle di eventi particolari come le vacanze scolastiche estive, il ritorno a scuola in autunno, e così via.

Sebbene la maggior parte delle imprese sperimentano alcune fluttuazioni commerciali stagionali, altre sono soggette a forti fluttuazioni stagionali che possono addirittura limitare le loro attività a particolari stagioni. Esempi di tali attività includono gli operatori che gestiscono case vacanza sul mare, le aziende di servizi di cura dei giardini e le aziende che si impegnano a rimuovere la neve dalle strade. Ne deriva che le aziende “estremamente” stagionali possono chiudere completamente per una parte dell’anno o ridimensionare drasticamente le operazioni di ritorno durante la loro bassa stagione, gestendo solo i servizi di base come i conti fornitori e/o la manutenzione.

Detto ciò, la maggior parte delle aziende di vendita al dettaglio hanno comunque una forte componente stagionale e vedono la maggior parte dei loro profitti generati in una o due stagioni dell’anno, essendo la stagione di fine anno o di Natale un periodo tipicamente più impegnativo per loro. In ogni caso, ci sono sempre eventi prevedibili che possono influenzare le vendite in ogni mese dell’anno, e che possono dunque impattare settori industriali in misura davvero notevole.

Ad esempio, gennaio è sempre un buon mese per l’iscrizione alle palestre, febbraio è il mese più “lento” dell’anno, ma è caratterizzato da San Valentino, che innesca una grande quantità di affari stagionali. Nel mese di marzo, la presenza nelle attività religiose sale rapidamente, mentre aprile è di norma il mese più utile per commercializzare prodotti per la pulizia della casa e altri prodotti per la pulizia primaverile. a maggio e giugno ci sono molte attività familiari, come matrimoni, lauree e vacanze scolastiche. Luglio è il mese migliore per tutti i prodotti estivi mentre agosto è il mese di viaggio più affollato dell’anno. Settembre è caratterizzato da vendite di ritorno a scuola, mentre a ottobre si può veleggiare grazie ad Halloween e altri eventi in programma. Infine, novembre e dicembre sono i mesi delle vendite di fine anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi