Forex broker: come scegliere quello migliore

stock exchangeChi si avvicina al mondo degli investimenti nel forex deve iniziare le sue operazioni tramite un intermediario, in gergo chiamato broker. Per il cliente italiano sono disponibili diversi siti di broker, la buona parte dei quali sono affidabili e propongono diverse interessanti opportunità. Per chi inizia oggi però la strada da percorrere comporta una scelta oculata del broker migliore, in modo da sfruttare al meglio tutte le possibilità del trading nel forex.

I broker migliori

Quando si fa un acquisto o un investimento non ci si rivolge al primo venuto o al primo fornitore che si incontra, in genere si cercano le diverse opportunità disponibili, per poi scegliere quella che meglio risponde alle nostre esigenze. Lo stesso si fa con i broker per il trading online, cosa resa abbastanza difficile però da un’offerta molto ampia e variegata. La rete però offre una scappatoia interessante, sono infatti tantissimi i siti dedicati al trading online, che riportano pregi e difetti della gran parte dei broker presenti sul web. Siti come ad esempio ForexBroker-it.com sono una miniera di interessanti informazioni, che consentono la scelta del broker in modo oculato e anche abbastanza rapido.

Le caratteristiche di un buon broker

Per poter scegliere un broker dobbiamo sapere quali siano le caratteristiche che un intermediario dovrebbe avere. La prima e fondamentale riguarda la legalità; se no vogliamo incorrere in truffe e raggiri è infatti importante iniziare ad investire solo tramite i siti autorizzati dalla legge. Secondo i regolamenti italiani ed europei, per poter operare online un sito di brokeraggio deve avere l’autorizzazione da parte di un ente di controllo, la Consob in Italia, ma anche da parte di enti di altri stati europei. Senza questo tipo di autorizzazione un sito è illegale e potrebbe rubarci i soldi che investiamo, o impedirci di ottenere quelli che guadagniamo dalle nostre speculazioni.

Broker a pagamento

Molto spesso si legge che i broker migliori dovrebbero essere totalmente gratuiti. Questa indicazione può non essere corretta, in quanto ogni singolo broker propone soluzioni diverse. Alcuni non richiedono pagamenti sulle singole operazioni, ma fanno pagare una sorta di abbonamento mensile; altri invece richiedono un pagamento per ogni operazione effettuata. In entrambi i casi a volte dietro il compenso si ottengono anche diversi bonus, tra cui guide di vario tipo e la possibilità di essere seguiti da un tutor. In questo senso quindi è meglio verificare caso per caso, perché a volte pagare per imparare a fare trading online può essere la soluzione migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi