Investimento oro: e se fosse la sorpresa dell’anno?

Il deludente 2015 è ancora impresso negli occhi degli investitori. Ma un sorprendente 2016 potrebbe far girare la testa anche ai più scettici. Parliamo naturalmente dell’oro, con il metallo prezioso reduce dalla formulazione di previsioni particolarmente deprimenti, e che invece è riuscito a chiudere il mese di gennaio con un rialzo del 5% dalla chiusura del 2015. Una prestazione che, in un contesto evidentemente teso, lo qualifica come uno dei migliori asset del momento.

Nello stesso frangente, mentre l’oro guadagnava il 5%, i listini azionari hanno perso quasi l’8% nel 2016, il Dollar Index ha guadagnato a malapena l’1% e le materie prime hanno continuato a perdere quota, addirittura accelerando i ribassi conseguiti nel 2015.

Ebbene, proprio in questo tetro scenario l’oro ha potuto riscoprire il suo ruolo di bene rifugio che qualcuno pensava avesse perso. E invece, non è esattamente così: il ruolo di bene rifugio dell’oro era solamente “addormentato”, e il caos che ha nuovamente investito la Borsa cinese (e gli altri listini), unitamente al flop delle quotazioni del petrolio (che nelle prime settimane dell’anno fino a l 25% del suo valore), ha prodotto una migrazione degli atteggiamenti degli investitori nei confronti dello shopping sugli Etf sull’oro, accumulando oltre 50 tonnellate: il patrimonio, cresciuto del 3,7%, è tornato a superare 1.500 tonnellate per la prima volta da novembre.

Certo, per quanto ovvio, niente è consolidato. Sia sufficiente ricordare il repentino passo indietro nelle ore successive al definitivo venir meno dell’aspettativa di un rapido rialzo dei tassi di interesse Usa, in conseguenza alle crescenti preoccupazioni per la salute dell’economia. Insomma, i presupposti per l’oro sono diventati improvvisamente buoni. E, salvo smentite, il metallo prezioso potrebbe essere uno dei grandi, inattesi protagonisti, del 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi