Le vendite di smartphone hanno ripreso quota, ma meno del pre-Covid

Le spedizioni interne cinesi di smartphone si sono riprese dal colpo subito durante la pandemia, ma non hanno ancora recuperato i livelli pre-Covid, stando agli ultimi dati del governo.

L’industria degli smartphone è stata limitata da vari fattori, dalla carenza globale di semiconduttori alle interruzioni dovute alle epidemie di Covid in Cina. Le spedizioni nazionali di smartphone hanno così totalizzato 342,8 milioni di unità nel 2021, in crescita del 15,9% su base annua, secondo i dati rilasciati martedì dalla China Academy of Information and Communications Technology (CAICT).

Si tratta di una forte crescita rispetto al 2020, che ha visto il mercato subire un colpo a causa dell’epidemia di coronavirus in Cina. Varie parti del paese sono state bloccate, chiudendo di fatto gran parte dell’economia. Eppure, la cifra delle spedizioni di smartphone del 2021 è inferiore ai 371,7 milioni di unità spedite nel 2019, prima dell’inizio della pandemia.

L’industria degli smartphone ha affrontato una serie di problemi nel 2021 che forse hanno trattenuto il mercato dal raggiungere i livelli pre-pandemia, secondo Neil Shah, partner di Counterpoint Research.

Shah ha detto che la “carenza della catena di approvvigionamento” era un grosso problema, riferendosi alla carenza globale di semiconduttori che ha colpito le industrie dalle auto all’elettronica di consumo. Come parte della sua cosiddetta politica “zero Covid”, la Cina ha messo aree o città in isolamento per cercare di arginare la diffusione di epidemie durante l’anno. “I consumatori stanno tenendo i dispositivi più a lungo e lo stop-start delle ondate di COVID sta anche mantenendo la spesa dei consumatori e i modelli di shopping in sordina“, ha detto Shah.

Il CAICT non ha rilasciato una ripartizione della quota di mercato dei produttori. Tuttavia, i dati separati rilasciati dalla società di ricerche di mercato Canalys martedì hanno mostrato che le spedizioni di smartphone in tutto il mondo sono cresciute solo dell’1% anno su anno nel quarto trimestre del 2021, limitate dalle carenze della catena di approvvigionamento e da una recrudescenza dei casi Covid in tutto il mondo.

Canalys ha detto che Apple ha ripreso il primo posto come il più grande player di smartphone del mondo con il 22% di quota di mercato, grazie alla forte domanda per l’iPhone 13. La sudcoreana Samsung segue con il 20% di quota di mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi