Prezzi del petrolio troppo bassi, ecco perché potrebbe non convenire

Il prezzo del petrolio si aggira intorno a quota 30 dollari. Uno scenario che nel breve termine sembra poter continuare, ma che entro fine anno dovrebbe invece consolidare un’inversione di tendenza, giungendo a toccare o superare la soglia dei 50 dollari al barile. Eppure, la certezza in tal senso è praticamente nulla. Non è infatti attualmente possibile escludere che l’Arabia Saudita sia disposta a sostenere il costo di una fase prolungata di prezzi bassi come quella che ha caratterizzato quasi ininterrottamente il periodo fra il 1986 e il 2000, e più come misura di pressione contro l’Iran che per distruggere l’industria americana dello shale oil o per scoraggiare gli investimenti in energie rinnovabili.

Ma conviene davvero che i prezzi siano così bassi?

In realtà, la prosecuzione della fase di bassi prezzi potrebbe portare vantaggi solo limitati ai Paesi avanzati, poiché l’ulteriore miglioramento delle ragioni di scambio e l’aumento del reddito reale delle famiglie rischiano di essere compensati dal crollo delle importazioni dei paesi produttori. Dunque, contrariamente a quanto si dice superficialmente, l’attuale fenomeno non produrrebbe benefici molto ampi e, di contro, accentuerebbe ulteriormente il ruolo della domanda interna nella generazione della crescita rispetto allo scenario di base.

A generare un malus sarebbe anche il commercio estero. Nel 2015 il valore in dollari delle esportazioni verso i paesi produttori di petrolio dovrebbe essere calato di circa un quinto a/a, con ulteriori cali in previsione. Per l’Italia, il tutto potrebbe essere tradotto in una flessione dell’export di circa 14 miliardi di dollari rispetto al 2013, di cui 3,6 nel 2016 e poco più di 10 miliardi già subiti.

Ma non solo. Prezzi troppo bassi del petrolio potrebbero avere ripercussioni negative sulle politiche di contenimento delle emissioni di carbonio e di altri inquinanti, di efficientamento energetico e di passaggio a fonti primarie rinnovabili di energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi