Straddle e strangle: cosa sono e come si usano

Per impostare uno straddle, compri un’opzione put e un’opzione call simultaneamente (comprare = prendere una posizione lunga). La perdita massima in cui si può incorrere sarà dunque la somma del costo di acquisto dell’opzione call più la somma del costo di acquisto dell’opzione put. Questa perdita è sostenuta quando si entra nel trade.

Con uno straddle, si acquista un’opzione call e un’opzione put insieme. E sarebbero con lo stesso prezzo di esercizio, o strike price.

Per necessità, questo significa che un’opzione sarà in the money e un’opzione sarà out of the money. Quando ci si avvicina a una earnings call, i prezzi possono essere piuttosto ripidi, perché si vuole dare un prezzo vicino al prezzo corrente delle azioni. In questo modo, si fornisce un po’ di spazio per guadagnare in entrambi i modi in cui il prezzo delle azioni si muove.

Si incorre in una perdita massima solo se si tiene la posizione fino alla scadenza. Puoi dunque sempre scegliere di venderla prima, se sembra che non funzionerà questa strategia, e contabilizzare una perdita inferiore al massimo.

C’è un premio totale pagato per entrare nella posizione. Questa è la quantità di denaro pagato per l’acquisto della call aggiunta al denaro pagato per l’acquisto della put. Questo è chiamato il premio totale. Ci sono due punti di pareggio:

  • Al rialzo, il punto di pareggio è il prezzo di esercizio + il premio totale pagato.
  • Al ribasso, il punto di pareggio è il prezzo d’esercizio – il premio totale pagato.

Se il prezzo delle azioni sale oltre il punto di pareggio, la put non ha valore. Tuttavia, l’opzione call guadagnerebbe profitti sostanziali. D’altra parte, se il prezzo delle azioni scendesse oltre il punto di prezzo inferiore, che sarebbe il punto di pareggio, l’opzione call sarebbe senza valore e l’opzione put guadagnerebbe profitti sostanziali.

Per esempio, supponiamo di comprare uno straddle di 207,5 dollari su Alfa a 7 giorni dalla scadenza con una volatilità implicita del 35%, e il prezzo sottostante è di 207 dollari. Il costo totale per entrare nella posizione è di 8,03 dollari (803 dollari in totale). A 1 giorno dalla scadenza, il prezzo dell’azione sale a 220 dollari per azione dopo la chiamata sugli utili. La put scade senza valore, ma la call salta a 12,50 dollari. Il profitto netto è quindi 12,50$ – 8,03$ = 4,47$, o 447$ in totale per contratto.

Se invece il prezzo delle azioni fosse sceso a 190 dollari, la call scade senza valore, e la put salta a 17,50 dollari per azione. Il profitto netto, in questo caso, è quindi 17,50 dollari – 8,03 dollari = 9,47 dollari per azione o un totale di 947 dollari.

Questo non vuol dire che lo straddle sarebbe più redditizio per un calo delle azioni (non lo è!). Il profitto sarà lo stesso indipendentemente dal modo in cui il prezzo delle azioni si muove: nei nostri esempi, abbiamo usato due movimenti di dimensioni diverse. Il punto è illustrare che non importa in quale direzione si muova il titolo, si può trarre profitto.

Se l’azione è at the money alla scadenza, potremmo ancora recuperare parte dell’investimento e vendere lo straddle per una perdita. In questo caso, la call e la put sarebbero entrambe prezzate a $152. Saremmo ancora in perdita, ma potremmo recuperare $304 vendendole entrambe a $152.

Di contro, se vendi uno straddle, allora stai prendendo la posizione opposta, il che significa che scommetti che il prezzo delle azioni rimanga all’interno dell’intervallo e speri che il titolo non faccia un grande movimento verso l’alto o verso il basso. Per vendere uno straddle devi essere in grado di fare una covered call e una put protetta o essere un trader di livello 4 che può vendere opzioni nude.

Lo strangle

Uno strangle è simile a uno straddle, ma in questo caso, i prezzi d’esercizio sono diversi. In questa fattispecie, infatti, si compra un’opzione call appena out of the money e contemporaneamente si compra un’opzione put leggermente out of the money. Le due opzioni avranno la stessa data di scadenza. I punti di pareggio per uno strangle saranno calcolati in modo simile ai prezzi di pareggio per uno straddle, ma si usano i prezzi di esercizio individuali per la call e la put perché sono diversi. Quindi, si calcola il premio totale pagato, che è l’importo totale pagato per l’opzione call più il premio pagato per l’opzione put. Poi i punti di pareggio sono dati dalle seguenti formule:

  • Al rialzo, il punto di pareggio è il prezzo di esercizio della call + il premio totale pagato.
  • Al ribasso, il punto di pareggio è il prezzo di esercizio della put – il premio totale pagato.

In modo simile a uno straddle lungo, la perdita massima si verificherà quando il prezzo dell’azione finirà tra i due prezzi di esercizio. Pertanto, si potrebbe desiderare di scegliere prezzi di esercizio che sono relativamente vicini, al fine di ridurre al minimo l’intervallo in cui la perdita può verificarsi. Naturalmente, c’è un compromesso qui, perché più vicini sono i prezzi d’esercizio, più costoso sarà entrare nella posizione. Ma, aumenterà la tua probabilità di profitto perché se i prezzi d’esercizio sono stretti rispetto al prezzo corrente delle azioni, c’è una maggiore probabilità che i prezzi delle azioni superino lo strike call + il premio pagato, o diminuiscano sotto il prezzo d’esercizio put meno il prezzo pagato per entrare nel contratto (il premio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi