Rallenta la spesa personale degli statunitensi

Secondo quanto affermano gli ultimi dati macro economici diffusi in territorio statunitense, la spesa personale dei consumatori americani nel corso del mese di novembre 2016 avrebbe deluso le aspettative dei principali analisti, con un aumento di 0,2 punti percentuali mese su mese, frenata da un calo nel comparto dei beni durevoli e con una variazione modesta dei servizi, dovuta in parte a un clima particolarmente mite.

Tra gli altri dati di riferimento diffusi nello stesso frangente, si noti come il reddito personale è invariato e il reddito disponibile reale è in calo di -0,1 per cento mese su mese. Il tasso di risparmio scende a 5,5 per cento mese su mese. Il deflatore headline e quello cuore sono invariati. I dati sono deludenti, e danno indicazioni di rallentamento dei consumi nel quarto trimestre, su ritmi vicini al 2,5 per cento trimestre su trimestre annualizzato, rispetto alla crescita di 3 per cento trimestre su trimestre annualizzato del terzo periodo dell’esercizio.

Tuttavia la pausa dei consumi e dei prezzi va considerata temporanea e non modifica il quadro generalmente positivo della crescita, con il mercato del lavoro ormai al pieno impiego e i salari su un treno in accelerazione.

L’attesa è ora dunque incentrata sui dati di dicembre, che verranno resi disponibili tra qualche settimana. L’auspicio degli analisti internazionali è quello di un ripreso dei principali indicatori, trascinati in aumento dal positivo contributo legato alla stagione dei consumi di fine anno. Vedremo se, effettivamente, le attese verranno o meno soddisfatte dai dati consuntivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi